0

Best Ads of the Week: il caso Oreo al SuperBowl

Nella settimana della miriade di spot milionari creati in occasione del SuperBowl è quasi paradossale dedicare la rubrica Best Ads of the Week a una grafica che ha richiesto 5 minuti per essere creata.

Domenica sera, durante la finale che ha visto contrapporsi le formazioni di Ravens e 49rs, c’è stato un blackout che ha oscurato metà dello stadio Superdrome di New Orleans per più di mezz’ora.

L’intuizione geniale del team pubblicitario di Oreo è stata quella di lanciare un’immagine su Twitter, che recitava: “Black out? Nessun problema. Puoi inzuppare anche al buio”.


Il risultato sono stati più di 10mila retweet in un’ora e un boom di visualizzazioni, articoli e complimenti. Un risultato pazzesco se si pensa che la grafica è stata creata e approvata in non più di 5 minuti!

Un caso unico, che ci testimonia però come la pubblicità stia radicalmente cambiando, adattandosi al real time dei social network e a forme di comunicazione che stravolgeranno sempre più l’advertising tradizionale.

Voi cosa pensate di questa pubblicità? Sareste riusciti a fare di meglio?

Proseguiamo con altre due grafiche interessanti:

Fiat: Drive Friendly

FIAT ci invita a guidare in modo amichevole con 500: “Ci sono troppe facce arrabbiate sulla strada”. Un bell’esempio, alternativo, di pubblicità comparativa!

Panasonic Musical Doorbells: Interruptions Bath

Non dev’esser facile pubblicizzare un campanello con una suoneria musicale!
Panasonic ci riesce piuttosto bene con il claim “Le interruzioni sono inevitabili. Almeno rendile armoniose”.
Vi è piaciuto questo articolo? Leggete qui tutte le puntate precedenti!